DA FORCA DI PRESTA AL MONTE VETTORE – DOMENICA 16/09/2018

victor Il Monte Vettore è il rilievo montuoso più alto dei Sibillini, con i suoi 2.476 metri di altitudine. È situato nell’appennino umbro-marchigiano al confine tra Umbria e Marche. La sua vetta, che si trova nel territorio della regione Marche, ha una caratteristica forma ad “U” e che comprende, seguendo l’arco da ovest a est, Quarto San Lorenzo, Cima del Redentore (2448 m), Cima del Lago, il Vettore stesso, Monte Vettoretto (2032 m) e Monte Torrone (2102 m). La facciata esterna dell’arco montuoso domina il Pian Grande di Castelluccio di Norcia. Dalla vetta del monte si può ammirare in giornate limpide il Gran Sasso a sud-est e il Terminillo a sud-ovest, il litorale marchigiano e l’Adriatico ad est. Il Monte Vettore presenta una fascia trasversale di ghiaia che è detta la strada delle fate. La leggenda popolare narra che una volta, le fate, si siano fermate più a lungo a danzare con i giovani di Pretare e che per non essere sorprese all’alba, fuggirono con tanta precipitazione da lasciare le loro impronte sulla montagna, creando così la loro strada. Il racconto è noto sia agli studiosi delle tradizioni popolari che ai valligiani.  Dovrete organizzarvi con le vostre auto per l’avvicinamento al luogo di partenza.

PORTARE:
Pranzo al sacco, giubbino antipioggia,  scarpe da trekking o adatte a camminare in montagna con fondo ben scolpito, cappello, acqua per l’intera giornata.
PUNTI DI RITROVO:
Muccia – distributore ENI (Carnevali) 7:30
DETTAGLI DELL’USCITA:
Dislivello effettivo del percorso:950 mt
Distanza totale: 12 Km
Grado di Difficoltà: Impegnativa
E’ OBBLIGATORIA LA PRENOTAZIONE COMPILANDO  IL SEGUENTE MODULO:

LA CAMMINATA E' RISERVATA AI NOSTRI SOCI.

NOME (campo obbligatorio)

COGNOME (campo obbligatorio)

EMAIL (campo obbligatorio)

TELEFONO (campo obbligatorio)

Autorizzo la Nordic Walking Monti Sibillini all'utilizzo dei miei dati esclusivamente a scopo organizzativo.


Category: Camminate

Comments are closed.

Jhon Muir

Ero uscito solo per fare una passeggiata ma alla fine decisi di restare fuori fino al tramonto, perchè mi resi conto che l'andar fuori era, in verità, un andare dentro. (jhon Muir)