ALLA RICERCA DELLA ∞ ROMITA ∞ DOMENICA 13/05/2018

romita Abbiamo organizzato per i nostri soci, una camminata fuori dalle comuni vie sentieristiche. Andremo alla ricerca di un’antica romitoria che attualmente si trova in uno stato di totale abbandono in una zona boschiva, nel versante nord di Monte Cavallo. Della “Romita della Madonna della Valle“ non si conosce la fondazione, ma era già antica nel 1138 quando venne assegnata da Papa Innocenzo II al monastero folignate di S. Croce di Sassovivo. Le sue sorti, attraverso le vicissitudini dei suoi priori e commendatari, vennero registrate sui relativi documenti fino al XVII secolo. Fece parte della Diocesi di Spoleto e di Camerino oltre che a Sassovivo, fu per un periodo unita anche al monastero di Rio Sacro di Acquacanina. Nella visita pastorale del 1603 il vescovo di Camerino la nomina “Chiesa semplice di S. Maria di Monte Cavallo o della Romita” già in stato di quasi abbandono. Sui resti delle pareti sono ancora visibili gli accenni di qualche affresco e una particolare scritta su quello che rimane dell’altare principale. L’uscita ci impegnerà fino a tardo pomeriggio. Dovrete organizzarvi con le vostre auto per l’avvicinamento al luogo di partenza.

OBBLIGATORIO PORTARE:
Pranzo al sacco, acqua, giubbino antipioggia, cappello, scarpe da trekking o adatte a camminare in montagna con fondo ben scolpito, crema solare.

PUNTI DI RITROVO:
Muccia: piazzale distributore ENI (Carnevali) ore: 8:45
DETTAGLI DELL’USCITA:
Dislivello in salita: 430 mt
Distanza totale: 9,5 Km
Grado di Difficoltà: FACILE PER CHI E’ ABITUATO A CAMMINARE IN MONTAGNA

LA CAMMINATA E' RISERVATA AI NOSTRI SOCI.

NOME (campo obbligatorio)

COGNOME (campo obbligatorio)

EMAIL (campo obbligatorio)

TELEFONO (campo obbligatorio)

Autorizzo la Nordic Walking Monti Sibillini all'utilizzo dei miei dati esclusivamente a scopo organizzativo.


Category: Camminate

Comments are closed.

Jhon Muir

Ero uscito solo per fare una passeggiata ma alla fine decisi di restare fuori fino al tramonto, perchè mi resi conto che l'andar fuori era, in verità, un andare dentro. (jhon Muir)